telefono  0342 527111     PEC cciaa@so.legalmail.camcom.it   

     

al servizio delle imprese
Marchio Valtellina

Cittadini extracomunitari

ll cittadino extracomuniario che intende esercitare in Italia attività di lavoro autonomo in forma di impresa deve rivolgersi preventivamente alla Camera di Commercio della provincia nella quale verrà fissata la sede dell'impresa stessa al fine di ottenere il nulla osta allo svolgimento dell'attività e l'attestazione dei parametri finanziari relativi all'attività indicata, ossia l'ammontare delle risorse economiche minime necessarie per il suo avvio.

Tale procedura è finalizzata all'ottenimento di un permesso di soggiorno per lavoro autonomo da parte di cittadini extracomunitari che devono ancora fare il loro ingresso in Italia, o che vi sono entrati con permessi di soggiorno rilasciati per motivi che non consentono l'esercizio di attività lavorativa.


L'esercizio di attività di lavoro autonomo in Italia è consentito ai cittadini extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno), di permesso di soggiorno valido rilasciato per lavoro autonomo, lavoro subordinato, attesa di occupazione, motivi familiari, motivi umanitari o asilo politico o di permesso unico di soggiorno e lavoro rilasciato ai sensi del D.Lgs. 40/2014.

Entro 30 giorni dall'inizio dell'attività, occorre presentare domanda di iscrizione nel Registro Imprese, allegando copia del permesso di soggiorno (in caso di permesso di soggiorno in corso di rinnovo, occorre allegare copia del permesso di soggiorno scaduto e talloncino della raccomandata inviata al Centro Servizi Amministrativi di Roma attraverso Poste Italiane).