telefono  0342 527111     PEC cciaa@so.legalmail.camcom.it   

     

al servizio delle imprese
Marchio Valtellina

Ruoli esattoriali per il mancato pagamento delle ordinanze di ingiunzione

In caso di mancato pagamento dell’ordinanza-Ingiunzione entro 30 gg. dalla notificazione, la Camera di Commercio provvede  alla riscossione delle somme dovute in base alle norme previste per la esazione delle imposte dirette, mediante trasmissione del ruolo all’esattore.

Unità Organizzativa responsabile dell'istruttoria

Area I - Affari Generali, Personale e Regolazione del mercato

Responsabile del Procedimento

Paola Leoncelli

Responsabile ad emanare il provvedimento finale

Marco Bonat (Segretario Generale)

Termine del procedimento

5 anni dal giorno di notifica dell'ordinanza ingiunzione

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

Contro l'ordinanza-ingiunzione è possibile, entro 30 giorni dalla notifica, fare ricorso davanti al Giudice di Pace  (art. 22-bis della L. 689/1981), senza necessità di assistenza di un legale. Il ricorso non sospende automaticamente l’esecutività del procedimento.
Contro l'ordinanza che dispone la confisca può essere proposto ricorso al Tribunale entro trenta giorni dalla notifica (L. 689/1981, artt. 13, 19, 20, 22-bis)

Avverso la cartella esattoriale è ammesso ricorso al Giudice di Pace esclusivamente nel caso in cui si contesti la mancata notificazione dell'ordinanza-ingiunzione che è alla base della cartella stessa. Non è ammesso ricorso per vizi di merito.

A chi rivolgersi

Responsabile del procedimento: Paola Leoncelli

Tel.: 0342-527225

E-mail: sanzioni@so.camcom.it

Posta Elettronica Certificata:  serviziolegale@so.legalmail.camcom.it

 

Ricevimento al pubblico:
orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle ore 12:30