telefono  0342 527111     PEC cciaa@so.legalmail.camcom.it   

     

al servizio delle imprese
Marchio Valtellina

Imposta di registro: liquidazione società

Nota informativa n. 4/2017

 

Con la nota informativa n. 3/2010 è stato disciplinato il trattamento da riservare alle assegnazioni ai soci da parte di società, seguendo l'interpretazione dell’art. 4, lettera d), della Tabella - Parte prima del D.P.R. 131/86, fornita dall’Agenzia delle Entrate di Milano nel parere Prot. n. 273/98, in risposta ad una specifica richiesta formulata dalla C.C.I.A.A. di Milano, disponendo che, nel caso di deposito dei bilanci finali di liquidazione dai quali risultino "assegnazioni di somme" ai soci, essi vadano comunque assoggettati a registrazione, tanto in caso di distribuzione di utili residui, quanto nell’ipotesi di rimborso di quote di conferimento.

Precisato che oggetto del deposito è il bilancio finale di liquidazione e non il piano di riparto, dal quale risultano le eventuali assegnazioni, nel superiore intento di uniformare i comportamenti tra le Camere di commercio lombarde, si condivide l’orientamento del Conservatore di Milano, fondato anche sulla giurisprudenza della Corte di Cassazione, e pertanto di riferire il termine ‘assegnazione’ - contenuto nella lett. d) dell’art. 4 del dpr 131/1986 – alla distribuzione di valori economici ai soci non rientranti nella mera restituzione del capitale conferito (versato), con la conseguenza che l’obbligo di registrazione non sussiste quando il bilancio finale, ed il relativo piano di riparto, comportino la mera restituzione, totale o parziale, delle somme a suo tempo versate dai soci a titolo di conferimento nel capitale sociale della società.